Presente come vita: Liana Millu, scrittrice e testimone

“Niente di quello che è stato si annulla: il tessuto del presente ha sempre qualche filo antico”. Liana Millu, nata a Pisa nel 1914 e morta a Genova nel 2005, iniziava le sue testimonianze dicendo: sono il numero A5384 di Auschwitz Birkenau. Attraverso questo numero, con il suo racconto lucido e pacato, ci guidava in un luogo dove i fili … Continua a leggere

Cosa ci ha insegnato la scuola?

Cosa  ci ha insegnato la scuola? Questa è la domanda postaci Adriana nello scorso incontro. Come esempio ci ha letto brevi testi prodotti dai carcerati che segue in un corso di scrittura ai quali aveva posto una domanda simile ma anche molto diversa ” Cosa vi ha insegnato il carcere?”. Questo è il frutto della nostra riflessione: La scuola mi … Continua a leggere

Inventario delle Buone Azioni

La storia raccontata da Dostevskij è quella della donna cattivissima che in vita sua fece solo una opera buona donando una cipolla ad un mendicante. Finì all’inferno, ma il suo angelo custode sostenne che almeno una cosa buona l’aveva fatta e così ottenne di scendere negli inferi e la trovò tra i tormenti. Le disse di appigliarsi per via della … Continua a leggere

Martina T. – tema sulla Controforza

Liana Millu ne Il fumo di Birkenau racconta sei storie che vedono come protagoniste delle donne che affrontano l’orrore dei campi di concentramento. I racconti contengono scene molto forti che trasmettono rabbia e impotenza di fronte a un’enorme ingiustizia. Una cosa che mi ha colpito molto, nonchè la parte più originale del libro, è che si mostrano problematiche al femminile … Continua a leggere

Marta – tema sulla Controforza

Abitando vicino alla stazione della mia città e avendo un parcheggio sotto casa, molto spesso mi capita di incontrare persone che, con qualsiasi pretesto, chiedono l’elemosina. A me personalmente non danno alcun fastidio ma questo non vale per alcuni condomini del palazzo in cui vivo. Soprattutto perché oltre che a chiedere i soldi, qualche volta dormono sotto ai portici della … Continua a leggere

Giulia – tema sulla Controforza

Giulia L’indignazione è un sentimento di ribrezzo e rancore, è ciò che provo ogni volta che mi trovo davanti a un’ingiustizia. Nella mia vita ho provato indignazione molto spesso: mi indigno ogni volta che vedo o sento un episodio di razzismo, violenza su una donna o negli ultimi tempi, dopo la tragica vicenda di Charlie Hebdo. Non avrei mai pensato … Continua a leggere

Chiara – tema sulla Controforza

La scena che mi ha maggiormente colpito è il finale del racconto La clandestina quando Maria sta per partorire e tutte le ragazze spinte dalla compassione o comunque dalla curiosità si stringono attorno alla sua cuccetta per vedere il piccolo miracolo e addirittura la vecchia Adela che fino a quel momento l’aveva disprezzata la aiuta essendo l’unica con esperienza. Appena … Continua a leggere

3^B – tema sulla Controforza

Esistono vari modi di reagire quando si é indignati o ci si trova in una situazione difficile, esistono varie tipologie di controforza come manifestazioni, violenze ma anche il silenzio e il dialogo. Quest’ultimo è un esempio di controforza presente anche all’inizio del racconto L’ardua sentenza dei libro Il fumo di Birkenau di Liliana Millu che scrive: “Come si fa a … Continua a leggere

Alice – tema sulla Controforza

I tipi di controforza che ho utilizzato nella mia vita hanno subito cambiamenti, come per tutti, a seconda delle mie esperienze. Da bambina ero molto, molto timida: le mie controforze erano semplicemente prendere le distanze, sia fisiche che emotive. Se un bambino mi prendeva in giro, io me ne andavo, e l’umiliazione mi si spegneva addosso. Se i miei genitori … Continua a leggere

Alessia – tema sulla Controforza

Agire con una controforza assume per me un significato un po diverso da quello semplice di opporsi ad una situazione che ci indigna, per me una controforza è più una situazione mentale che una vera e propria concreta azione. Di fatto non riesco a ricordare alcuna in cui situazione in cui ho agito concretamente come “controforza” a qualcosa che mi … Continua a leggere